top of page

 

Esposizione  Canina

 

Le manifestazioni cinotecniche, in relazione ai titoli che

in esse possono essere rilasciati si suddividono in:

 

1. Manifestazioni locali, provinciali o regionali:  

il giudice non è autorizzato il rilascio di certificati di

attitudine al campionato.

 

2. Manifestazioni nazionali:   i giudici sono autorizzati al

rilascio dei titoli validi per i Campionati Italiani

riconosciuti dall'ENCI (es.: Certificati di Attitudine al Campionato - CAC).

 

3. Manifestazioni internazionali:  i giudici sono autorizzati a rilasciare dei titoli validi per i campionati internazionali della FCI (certificati di attitudine al campionato internazionale di bellezza - CACIB - o i certificati di attitudine al campionato internazionale di lavoro - CACIT).

 

4. Raduni:  manifestazioni indette a cura della Società specializzate con regolamenti particolari preventivamente approvati dall'ENCI.

 

 

 

Alle manifestazioni riconosciute dall'ENCI vengono assegnate le seguenti qualifiche:

 

 

CACIB

Il Certificato di Attitudine al Campionato Internazionale Bellezza, è il certificato che attesta a livello internazionale che il soggetto cui viene assegnato possiede caratteristiche e qualità tali da rispecchiare lo standard ideale di razza.

 

CAC

Il Certificato di Attitudine al Campionato, è il certificato che attesta a livello nazionale che il soggetto cui viene assegnato possiede caratteristiche e qualità tali da rispecchiare lo standard ideale di razza.

 

Riserva di CACIB
Ha lo stesso significato e valore tecnico del CACIB e può essere assegnato a quel soggetto che, avendone le caratteristiche e le qualità, segua immediatamente in graduatoria quello cui il CACIB è stato attribuito.

 

Riserva di CAC
Ha lo stesso significato e valore tecnico del CAC e può essere assegnato a quel soggetto che, avendone le caratteristiche e le qualità, segua immediatamente in graduatoria quello cui il CAC è stato attribuito.

 

Eccellente
Tale qualifica deve essere attribuita ad un soggetto che si avvicini il più possibile allo standard ideale della razza - che sia presentato in condizioni perfette - che realizzi un insieme armonico ed equilibrato - che abbia "della classe" ed una brillante andatura. Egli dovrà imporsi per le sue grandi qualità le quali gli faranno perdonare eventuali piccole imperfezioni e dovrà possedere le caratteristiche del sesso cui appartiene.

 

Molto Buono
Tale qualifica deve essere attribuita al soggetto perfettamente in tipo, equilibrato nelle sue proporzioni - in buone condizioni fisiche -. Sarà tollerato qualche difetto veniale, ma non morfologico. Questa qualifica non può premiare che un cane di qualità.

 

Buono
Tale qualifica deve essere attribuita ad un cane che possieda le caratteristiche della razza, pur accusando dei difetti, a condizione però che questi non siano redibitori.

 

Abbastanza Buono o Sufficiente
Tale qualifica deve essere attribuita ad un cane sufficientemente tipico, senza qualità notevoli o in non buone condizioni fisiche.

Insufficiente

Tale qualifica attribuito al cane che non possiede le caratteristiche tipiche della razza, o con imperfezioni dentali o a livello della mascella, o imperfezioni del pelo e/o del mantello. 

Squalificato

Tale qualifica può essere attribuito ad un cane che presenta difetti eliminatori rispetto allo standard, sarà attribuito sempre qualora il soggetto presenti difetti da squalifica contemplati nello standard della razza. Il Delegato dell’ENCI dovrà acquisire i dati del cane, ritirarne il libretto delle qualifiche per poi trasmetterli all’ENCI.

Non giudicabile

Questo giudizio viene attribuito a un cane che non si muove, salta in continuazione o cerca di lasciare il ring rendendo impossibile giudicare il suo movimento e il suo portamento. Viene attribuito anche ad un cane che rifiuta di lasciarsi esaminare dall’esperto giudice, rendendo impossibile la valutazione della dentatura, dell’anatomia e della struttura, della coda e dei testicoli. Sono interessati anche i cani in cui l’esperto giudice individui tracce di operazioni o di interventi. Questo giudizio è valido anche quando l’esperto giudice ha ragione di pensare che le operazioni sono state fatte per correggere la condizione originale del cane o le sue caratteristiche (palpebra, orecchio, coda). Il motivo per cui viene attribuito questo giudizio dovrà essere riportato sulla scheda di giudizio.

 

bottom of page